[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[LUNGHISSIMO] polipetti alla napoletana



"Stava per principiare la curva ad U quando, alla debole luce dei
fanali ("ci fosse una minchia di cosa a funzionare in
quest'automobile!), vide l'indicazione. Consisteva in un pezzo di
tavola, inchiovato per storto su un palo, sul quale era scritto
malamente a mano: da Filippo che si mancia bene. Imboccò il viottolo
sterrato che terminò un centinaro di metri appresso in uno spiazzo sul
quale sorgeva una casuzza a un piano. Dalla porta e dalle finestre
sbarrate non trapelava luce. Macari quello era il giorno di chiusura e
il viaggio era stato a vacante. Raprì la portiera e subito il vento
l'assugliò, assieme al rumore del mare in tempesta che si trovava a
una trentina di metri sotto lo spiazzo. Scese, si mise a correre, girò
la maniglia della porta e questa si raprì. Montalbano trasì e
immediatamente la richiuse alle sue spalle. Una càmmara con cinque
tavolini, nessun cliente. Quello che doveva essere Filippo stava
assittato a un tavolo e taliàva un film alla televisione.
"Si mangia?" spiò incerto il commissario.
Filippo non si cataminò, non staccò gli occhi dal televisore, mormoriò
solamente:
"S'assittasse dove vuole."
Montalbano si levò il giubbotto, scelse il tavolo più vicino alla
stufetta a legna. Dopo cinco minuti, visto che l'omo se ne restava
infatato della pellicola, il commissario si susì, andò alla credenza,
si pigliò un cestino di pane e una bottiglia di vino e se ne tornò al
suo posto. Finalmente, passati ancora una decina di minuti, apparse la
scritta "Fine del primo tempo" e Filippo, da statua che era, tornò a
essere vivente. S'avvicino al tavolo e spiò:
"Ca voli mangiari?"
"M'hanno detto che lei sa fare benissimo i polipi alla napoletana."
"Giusto dissero."
"Li vorrei assaggiare."
"Assaggiare o mangiare?"
"Mangiare. Ci mette i passuluna di Gaeta?"
Le olive nere di Gaeta sono fondamentali per i polipi alla napoletana.
Filippo lo taliò sdignato dalla domanda.
"Certo. E ci metto macari la chiapparina."
Ahi! Quella rappresentava una novità che poteva rivelarsi deleteria:
non aveva mai sentito parlare di capperi nei polipi alla napoletana.
"Chiapparina di Pantelleria" prcsisò Filippo.
I dubbi di Montalbano passarono a metà: i capperi di Pantelleria,
aciduli e saporitissimi, forse ci stavano o, nell'ipotesi peggiore,
non avrebbero fatto danno.
Prima di muoversi verso la cucina, Filippo taliò negli occhi il
commissario e questi raccolse il guanto di sfida. Tra lui e Filippo,
era chiaro, si era ingaggiato un duello. Uno che di cucina non ne
capisce, potrebbe ammaravigliarsi: e che ci vuole a fare due polipetti
alla napoletana? Aglio, oglio, pummadoro, sale, pepe, pinoli, olive
nere di Gaeta, uvetta sultanina, prezzemolo e fettine di pane
abbrustolito: il gioco è fatto. Già, e le proporzioni? E l'istinto che
ti deve guidare per far corrispondere a una certa quantità di sale una
precisa dose d'aglio?"


(Andrea Camilleri, Quello che contò Aulo Gellio, Un mese con
Montalbano)


Io li ho interpretati cosi':

in una pentola di coccio metto un trito di aglio, prezzemolo e un
peperoncino piccino con olio EVO, faccio leggermente insaporire e poi
ci butto i polipetti, i pomodori spellati a tocchetti (unica
indicazione che sono ingrado di fornire sulle dosi e' che ho messo
pomodori per circa la meta' del peso dei polipi), pinoli, capperi di
Pantelleria, uvetta sultanina, olive nere di Gaeta, sale e pepe
bianco.
fuoco dolcissimo e pentola incoperchiata il piu' ermeticamente
possibile per almeno 40 minuti, poi assaggio e eventualmente continuo
la cottura fino a quando non sono soddisfatto della morbidezza dei
polipetti. serviti con fette di pane abbrustolito e leggermente
strofinato di aglio (se piace).

non essendo io ne' siciliano ne' napoletano, e presumendo che si
tratti di un piatto tradizionale attendo consigli, correzioni e
suggerimenti, per esempio da Sergio.
comunque erano buoni ;-)
ciao
-- 
Alim Bey

http://www.geocities.com/umbertotorricelli