[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

* Pasticcio di Fave fresche.



L'ideale e' avere un amico che le coltiva, e farsi una passeggiata per il
campo di fave muniti di pane, sale e cesto per la raccolta. Pane e sale
servono per gli assaggi "in flield" onde poter scegliere le fave piu'
indicate a questo piatto che devono essere grandi quanto la falange di un
pollice umano medio.

Quindi bisogna recuperare del lardo di porchettone con la cotenna, nella
proporzione di 300 gr per ogni kg di fave, della pancetta tesa nella
medesima proporzione, dell'aglio selvatico, alcuni peperoncini tipo cayenna
ed un paio di foglie di menta di fiume.

La cotenna la si lascia ammorbidire per una mezzora a fuoco dolce in poca
acqua e sale, quindi si fa appassire l'aglio selvatico con dell'olio evo e
si aggiungono le cotenne strizzate e tagliate a piccoli pezzi, il lardo e la
pancetta cubetata, come prende colore si sfuma con della vernaccia di
Oristano e si aggiungono le fave pulite ed i peperoncini interi

Deve cuocere a fuoco lento per circa 40 minuti aggiungendo di tanto in tanto
l'acqua di cottura delle cotenne per mantenere il tutto umido ma non troppo.
In ultimo si regola di sale e si aggiungono un paio di foglie di menta di
fiume sminuzzate.

Da servirsi tiepido con del pane di Sanluri, del pecorino fresco a fette e
tanto buon vino rosso di cantina.

Ciao

Umbo.
--
Se fossi una mano vorrei afferrarmi
di fatto sono solo un fesso e  sono pieno di crampi.

(by Umbo 2001)