[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Pasta aglio olio peperoncino e pane




luigi <luigicorte@allegroassai.com> wrote in message
9mvprv$2910$1@stargate1.inet.it...

> Ma una carbonara senza quello che non piace ai commensali mi
> sembra pių che legittimo.

Claro, approvo e plaudo. La prossima volta fai cosi': prendi il tuo
bellissimo pezzo di guanciale di Norcia e mettilo sul tagliere. Poi accendi
l'acqua per la pasta, e intanto prepara una padella con abbondante olio,
aglio e peperoncino - ma abbondante, eh! Prendi un bel pezzone di pane
mollicoso e fresco e, mentre l'acqua ha il suo da fare per bollire, tu avrai
il tuo da fare a smollicarlo minuziosamente fino ad avere tante tante
piccole mollichine mollicose che ti chiederanno:"Cosa ci stiamo a fare qui?"
Tu fai il vago, ma accendi il padellone come per fare una carbonara
aglio-olio-e-peperoncino canonica, butta la pasta quando l'acqua bolle e
ricopri l'olio caliente e quasi fumante con tutte le belle mollichine che
devono diventare bruno-dorate nell'attimo preciso in cui la pasta e' da
scolare. In quell'attimo preciso l'universo cospirera' con te affinche' tu
possa scolare la pasta e irrorarla dell'aglio-olio-peperoncino-e-mollichine,
le quali  mollichine a quel punto avranno compreso il significato
escatologico del loro essere.
In Toscana, fra Siena e Grosseto, me l'hanno spacciata come pasta con la
mollica di pane, ma in fondo potrebbe benissimo essere una carbonara adatta
ai tuoi commensali. E poi, le mollichine scrocchiano come la pancetta.

E il guanciale? 'Gnurant, il guanciale si usa per la *vera* amatriciana!!!
:-))

Giorgio