[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Cucina settimanale: tagliatelle all'orto marino



Salve a tutti.

Era una uggiosa domenica qualunque d'ottobre, quando mi accinsi a fare
qualche danno in cucina.
Forte (!) del fatto di aver seguito qualche puntata della "Prova del cuoco",
di seguire qualche messaggio di questo newsgroup di Vissaniani, e ricordando
quando mia nonna cucinava il timballo e olive fritte ascolane, vado a darvi
qualche perla di saggezza culinaria.

Caccio fuori dal frigo una zucchina, 3 pomodorini maturi (non pachino
purtroppo), 2 o 3 seppioline fresche, una cipollina fresca, dell'aglio,
gamberetti belli cicciotti, magari anche qualche "cicala" (una specie di
gamberetto dal colore piu' scuro) e un cespuglio di prezzemolo.
Dalla dispensa rimedio del peperoncino piccantino, olio bono, sale e un po'
di curry.

Prendo un bel taglierone di legno e mi accorgo di non avere la mezzaluna con
la quale mi potevo sentire un cuoco figo, per cui prendo un coltellaccio da
macellaio col quale sminuzzo aglio, cipollina, prezzemolo, pomodori,
zucchine, seppie e tutto cio' che mi capita a tiro.
Una volta tagliato tutto lo metto nelle ciotoline per presentarlo alle
telecamere ed essere pronto a mettermi all'opera.
Nella padella teoricamente antiaderente ma in realta' di quelle che per
lavarle poi ci vuole la carta vetrata metto l'olio bono abbondante e a fuoco
medio alto aggiungo aglio, cipolla e peperoncino.
Dopo un po' ci butto le zucchine tagliate fine, cosi' rosolano ben benino.
Prima che finiscano di rosolare, prendo il piatto con le seppioline e lo
verso in padella, alzando la fiamma e corro al frigo a vedere se avevo del
vino bianco.
Purtroppo e' francese, ma fa nulla, ne verso mezzo bicchiere nella padella
che stava per prendere fuoco e mentre nella casa si sparge un odore che
attira tutto il vicinato aggiungo sale e curry.
E il pomodoro??
Azzz, subito butto dentro anche il pomodoro maledicendo il fatto che non
trovo mai quelli pachino che fanno tanto cucina mediterranea, invece di
questi pomodori di gomma che ci affibbiano qua a Parigi, e aspetto un po'
che tutta la papparozza si sia un po' ritirata.
Alla fine, per pochi minuti metto gamberetti cicciotti e prezzemolo, mentre
le tagliatelle sono gia' li' li' per essere scolate.
Vicino alle mie parti, a San Benedetto del Tronto, potevo trovare del bel
pesce fresco, per cui mettevo anche cozze, totani, calamaretti e altro ben
di Dio.
Qua i banchi del pesce sono miseri per quanto riguarda frutti di mare e
pesciume vario da pasta, per cui mi accontento.


Maurus