[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

GNAM: Pisarei e faso'



Per 4 persone:
gr.450 farina bianca
gr.100 pane grattugiato
sale q.b.
per condire: fagioli secchi borlotti gr.200
burro gr.50
lardo gr.50
1 cipollina
1 mazzetto di prezzemolo
1 spicchio aglio
300 gr. pomodori maturi (o 1 scatola di pelati da gr.250)
! mazzetto di basilico
olio oliva e.v.
pepe in grani, sale.

Mettere a mollo i fagioli in abbondante acqua fredda per tutta la notte. Il
mattino scolarli, versarli in pentola coperti di acqua fredda, unire 1/2
cipolla, un po' di olio e farli cuocere (coperti) sino a metà cottura, poi
toglierli dal fuoco e mantenerli nella loro acqua.
Per la pasta versare sulla spianatoia la farina e al centro versarvi il pane
grattugiato già scottato in acqua bollente. Impastare unendo eventualmente
acqua calda quanto basta per ottenere una pasta piuttosto soda e liscia.
Dopo circa 10 min. di lavorazione prenderne un pezzetto e arrotolarlo sotto
il palmo della mano in modo da ottenere un serpentello della grossezza di un
dito mignolo. Staccare con le dita un pezzettino di pasta grosso come un
fagiolo  e con il pollice dare la classica forma di un gnocchetto
strofinandolo sulla spianatoia infarinata.
Preparare il sugo: sciogliere in una casseruola il burro, unire una pestata
di lardo, aglio e prezzemolo e far soffriggere per qualche minuto,
aggiungere la rimanente cipolla tritata: A soffritto dorato versare i
pomodori sbucciati e senza semi (o i pelati), i fagioli scolati dell'acqua
di cottura, le foglie intere di basilico, un po' di pepe macinato e un po'
dell'acqua di cottura dei fagioli. Mescolare, coprire il recipiente e
cuocere a fuoco dolce, mescolando ogni tanto. Salare solo verso la fine per
evitare che la buccia dei fagioli indurisca. Il sugo, a cottura ultimata,
deve risultare denso e abbondante.
Cuocere i pisarei (gli gnocchetti) per un quarto d'ora circa in acqua
bollente salata, scolarli e condirli con il sugo.

Qualcuno ne aveva parlatoe così ho rispolverato un libro di ricette (già
collaudate) e me li sono mangiati.
Marinella