[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: HELP: Cena con io solito maialino



On Wed, 31 Oct 2001 13:15:30 +0100, in it.hobby.cucina "manuela"
<mbagala@yahoo.com> wrote:

> L'ho mangiato diversi anni fa appunto in Sardegna, ma penso che nel forno di
> casa non sia il massimo.

Lo puoi fare tranquillamente anche nel forno di casa, Manuela. 
Ecco come lo faccio io, con ricetta di un mio zio, sardo DOC :))

* Accendo il forno alla massima temperatura.
* Intanto salo il maiale(tto) da entrambi i lati e lo stecco qua e lā
  con delle striscioline di spicchi d'aglio.
* Prendo la teglia: generalmente quella che č venuta in dotazione col
  forno, ne ricopro il fondo con uno spesso strato di rami (compresi
  quelli legnosi) di salvia e di rosmarino e ci aggiungo degli spicchi
  d'aglio affettati grossolanamente e sparsi su tutta la "sterpaglia".
* Sopra a questo letto adagio il maialino e lo spruzzo con un
  filino-ino-ino d'olio buono.
* Metto in forno, sempre al massimo.
* Quando s'č dorato da un lato (15-20 minuti) giro la bestiola e
  rimetto a dorare.
* Appena vedo che s'č dorata anche l'altra parte, spruzzo
  abbondantemente con brandy o cognac o vino rosso.
* Richiudo lo sportello e a questo punto abbasso la temperatura
  fissandola sui 180ēC; 
* Lascio cuocere pian piano per un paio d'ore.

Il letto di rami serve ad isolare dal fondo il maialino che resterā
croccante fuori, morbido dentro e senza eccesso di grasso che scolerā
tutto al di sotto degli sterpi.

Anche l'agnello al forno lo cucino con lo stesso procedimento.

-- 
Ciao,
    MariucciaŽ