[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[GNAM] Scrigni di mare



E' possibile che questa ricetta abbia un altro nome.
Io l'ho avuta senza nome da un chioschetto che vende frutti di mare a
consumo in Ancona da tempi immemori, a fianco delle 13 cannelle.
L'ho imparata a memoria sul posto e l'ho anche modificata un po' a mio
gusto, ma se qualcuno la riconoscesse e mi sapesse dire il nome originale
gle ne sarei grato.

Prendete delle cozze belle, circa 1 Kg scarso per persona.
Pulitele BENE e fatele aprire mettendole in una pentola con poca acqua sul
fondo.
L'acqua che avranno lasciato le cozze nell'aprirsi la dovete poi filtrare e
mettere da parte.
finite di pulire le cozze togliendo i residui di "barbe" da dentro,
mettetene da parte un quarto, le piu' belle e grandi (saranno gli "scrigni")
senza separare tra loro le 2 valve e senza togliergli il ciccio.
Prendete i cicci delle altre (se non siete troppo raffinati nei gusti potete
anche comprare un quarto di cozze fresche e utilizzare dei cicci congelati,
ma ricordatevi che anche da questi bisogna togliere i residui di barba) e
tritateli (san Mulinex....), aggiungendo una pari quantita' di pan grattato,
un uovo (2 se per piu' di 4 persone), una presa di prezzemolo tritato, un
bicchiere di parmigiano grattugiato (si, avete letto bene, proprio
parmigiano, o granan se lo preferite) amalgamando il tutto imbevendolo con
l'acqua che avete filtrato prima.
Ora con questo bel pappone riempite gli scrigni e chiudeteli legandoli con
dello spago.
Non scoraggiatevi, vi assicuro che si puo' fare, bisogna solo prenderci un
po' di mano. I primi che ho fatto sembravano dei prigionieri di guerra
legati come salami, ma dopo un po' sono riuscito a fare delle belle chiusure
con 2 soli giri incrociati e fiocchetto.... {:-)
Un trucco e' lavorare con spago bagnato, cosi' si stende bene e non mollera'
dopo, nell'umido.
Come "Quale umido"?
Quello che farete una volta terminato di chiudere gli scrigni.
Preparate un sugo in un pentolone alto soffriggendo dell'aglio e dello
scalogno (se l'avete vanno bene anche i Porri, viene piu' delicato) in
dell'olio buono, appena cominceranno a imbiondire aggiungete mezzo bicchiere
d'aceto e uno di vino bianco facendoli sobbollire.
Quando saranno calati della meta' aggiungete la passata di pomodoro con del
rosmarino, una presa di finocchio forte, sale Q.B. e, a gusto, un po' di
pepe.
Avviata la cottura del sugo, buttateci dentro gli scrigni e coprite.
Fuoco basso, mi raccomando.
Il sugo deve essere sufficente a coprire gli scrigni e deve bollire
lentamente per almeno un quarticello, se cala troppo allungatelo con
dell'acqua.

Verdicchio di Matelica e crostini per la scarpetta finale.

Buon appetito!!


--
Lunga vita e prosperita' \\//_

Cactaceo

ICQ 5889300