[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

* semignam: La merenda sinoira



La merenda sinoira č la versione piemontese dell'high tea britannico.
Si fa verso le sei di sera, su tavoloni nei prati e nei giardini
oppure come vero e proprio picnic lontano da casa, stendendo una bella
tovaglione sull'erba, magari vicino ad un torrente.
Sostituisce il pasto serale.
I piatti tipici variano, ovviamente,a seconda della disponibilitą di
brace ocamino oppure no. Il vino č un ingrediente primario.

Versione fredda, da picnic lontano da casa:

Salumi a profusione (salame, cacciatorini, lingua salmistrata)
Zucchine in carpione ( segue ricetta in altro post)
Vitel tonnč
Insalata di sarsčt con uovo sodo
Insalata capricciosa
Trote affumicate al ginepro (famose quelle di Ariano, a Cuneo in via
Pascal, salumeria formaggeria incredibile)
Cappone lesso freddo con bagnetto verde 
Torta di nocciole
Tome, tomini e Castelmagno
Dolcetto


Versione caoda, se la si organizza nei dintorni di casa (aia, giardino
cmq a pochi passi dalla possibilitą di cucinare)

Salame cotto
Peperoni con bagna caoda
Minestrone
Uova al tegamino con tartufo
Porcini fritti
Pollo alla cacciatora
Bruss di capra (un caprino fermentato eccellente)
Tumin eletric (tomini delle Langhe sott'olio con alloro e peperoncino)
Baci di dama
Cachi (se ci sono gią) e frutta secca
Dolcetto e Barbaresco

Ed il tardo pomeriggio passa d'incanto fino all'imbrunire, col canto
dei grilli onnipresenti (la meglio stagione per le merende sinoire č
da Ferragosto a metą ottobre). Poi, al tramonto,*zanzare* e fuga
precipitosa..:-))


joaquim


P.S: ricordo d'infanzia. Papą e ziii che, a Bibiana, vicino Pinerolo,
nel parco di una casa di campagna,in cui "villeggiavamo" fino
all'inizio delle scuole (fine settembre)facevano scaldare un pietrone
nero e ci rompevano sopra le uova appena tolte alle galline del posto
e poi, poco sale ed una grattata di tartufo....pucciando il pane
campagnolo nel rosso d'uovo caldo.
Poi, negli anni, sono stato in vacanza in posti esotici e lontani, ma
la felicitą di quelle vacanze di campagna, con i cugini, quando
andavamo a caccia di girini, a costruire i rifugi nel bosco, a giocare
a nascondino nelle tantissime stanze di questa antica casa che
odoravadi umido e di antico, non l'ho pił riprovata. E le
lucciole...E' vero che da bambini si vede il mondo attraverso un
filtro magico!