[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: Uova al tegamino



On Sat, 20 Oct 2001 23:48:55 +0200, "Flavio Esposito"
<flavio.esposito@bluewin.ch> wrote:

>C' un buon sistema per fare le uova al tegamino?

E' tutto qui, raccontato in questa storia. Fu scritta da chissa' chi 
sul notes della spesa, e forse dimenticata o forse no, sul tavolo 
del cucinone, un po' di tempo fa... 

>Soggetto:* Uovo al tegamino (una storia come tante) 
>Newsgroups:it.hobby.cucina
>da : aldoponz
>Data:1997/12/06 
 
>Lei disse: Ciao. Abbi cura di te.
>Lui la guardo' andare, dissolversi come un sogno. Aveva nel cuore le parole
>per fermarla, ma non le pronuncio'. Rimase li', ad osservare uno spazio vuoto
>che rimaneva nell'aria, dove prima c'erano i suoi occhi, il suo profumo, i suoi
>capelli. I suoi capelli. Respiro' a fondo, raccolse quello che restava dei suoi 
>soldini gettati a terra, si volse e si avvio' anche lui verso il mattino che iniziava. 
>Sarebbe stata una giornata di pallido sole. Decise di andare a vedere il fiume
> che scorreva.

>		   	UOVO AL TEGAMINO
>		            specchiarsi nei propri occhi

>La difficolta' sta nelle piccole cose. Quelle che all'apparenza sembrano facili,
>alla portata di tutti. Facili come il ricordare, facili come trovare le parole per
>fermare qualcuno che si ama.

>Ungiamo un tegamino di diametro doppio rispetto a quello dell'uovo con del burro
>chiarificato. Con la cura riservata alle cose piu' fragili mettiamo un uovo dentro
>ogni tegamino, salando solo l' albume, preservando il tuorlo. Pepe bianco.
>Facciamo cuocere in forno, a calore dolce come una compagna di vita, finche' 
>il bianco rappreso velera' il rosso ispessito come uno specchio. Nel quale osservare
>da vicino la solitudine che ci e' propria, guardando nel fondo delle nostre pupille. 
>E' il cibo delle differenze che si uniscono e trovano insieme la forza per esistere, a
>dispetto della fragilita' apparente.

>aldo

ciao, Claudia/versione occhilucidi