[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[GNAM] Ricciòla rapidissima



Ieri sera alle 19.20 ho avuto la botta di culo di trovare dal mio
pesciaio un'enorme ricciola (accento sulla "o"), aperta da poco. 
Io la ricciola l'ho sempre mangiata e/o fatta in umido, oppure usata per
fare il ragu' di pesce. Ma non avevo ne' tempo ne' voglia di spignattare
(ne' tantomeno accendere il FORNO, cara la mia Alice!). Peccato... 
Stavo x ripegare sul troppe volte fatto e rifatto spada in salmoriglio,
quando il buon pesciaio mi ha assicurato che, se e' grossa, si puo' fare
anche alla piastra, in tranci. Ne ho presi 3 tranci tratti da un
filettone... diciamo all'altezza di un terzo dalla coda, alti un paio di
cm, per un totale di 680 grammi (15 euri).

10 minuti dopo, a casa, breve occhiata al frigo. Ne ho tirato fuori 3
pomodori perini rossi e del pangrattato.


INGREDIENTI (x 3) e ATTREZZI

3 tranci di ricciola da 2 etti abbondanti ciascuno
Pangrattato
3 perini rossi
9 cimette di basilico dal vaso delle aromatiche
3 rametti di rosmarino fresco, sempre dal vaso
Olio evo e sale
Una bottiglia di Vermentino d'Alghero (per il cuoco durante e per
l'accompagnamento poi)
Una piastra in ghisa, un coltello affilato, una paletta larga in fibra.


PREPARAZIONE fool proof passo passo 
(piu' lungo scriverla che farla)

Col coltello ceramico giap ho tolto la pelle ai tranci di pesce (ci son
su le squame...).
Li ho brevemente sciacquati.
Con le forbici ho ridotto in micropezzi gli aghi freschi di rosmarino e
li ho mischiati in un piatto al pangrattato (NO SALE aggiunto!!!).
Col solito giap (solo xke' mi diverte usarlo... va bene un coltello
qualunque) ho fatto una dadolata grossolana di pomodoro.
Ho impanato i tranci ancora appena umidi, premendo MOLTO bene con le
mani da entrambi i lati.
Ho fatto scaldare sul gas al massimo la piastra di ghisa.
Ci ho deposto i tranci e li ho lasciati SENZA MUOVERLI per 4 minuti,
abbassando la fiamma sul medio dopo il primo minuto.
Con una paletta in fibra li ho rivoltati senza romperli, alzando prima
un attimo il gas al massimo e poi riabbassando un poco. 
Dopo altri 3 minuti ho messo un trancio su ciascun piatto, dividendolo
in 2 (il trancio e' lungo e abbastanza stretto).
Leggera salatura.
Ricoperti i tranci con la dadolata di pomodoro crudo messa a pioggia.
Aggiunto un tocco di verde sul rosso, spezzettando A MANO le cimette di basilico.
Altra leggera salatura del pomodoro e gran giro d'olio.
Alle 19.50.... GNAM!!! 

Note: 
1) La ricciola, almeno in quel punto, non ha scarto ne' spine. Ed e'
quindi adattissima ai bambini anche molto piccoli e a quelli che si fan
menate su 'ste robe.
2) La prossima volta cuocio 1 minuto in meno per lato.
3) La ricciola, cotta cosi', non e' per niente stoppacciosa e ha un
sapore molto migliore dello spada... piu' delicato e al tempo stesso
piu' spiccato, direi.

O=:-)
marco/ che alla fine si e' dato un bel 9 da se'