[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: ricciarelli + **GNAM**



"caspar" <NOSPAMcaoss@libero.it> ha scritto nel messaggio
> qualcuno conosce la ricetta dei ricciarelli tipici sienesi.
> puo postare la ricetta
> grazie

Ciao, la ricetta non l'ho mai provata perchŔ ho tutti i ricciarelli che
voglio a portata di mano, ma mi sembra valida.
Quella che ti posto Ŕ una ricetta del 1879 e proviene da un celebre convento
conosciuto proprio per la produzione dei ricciarelli.
Questa ricetta fu poi usata per anni e anni dalla migliore pasticceria
senese di ricciarelli (Parenti).

La ricetta Ŕ per ricavarne 30 kg:

A   9 kg di zucchero
      12 kg mandorle pelate
      1,5 kg farina
      0,5 kg di scorza d'arancio chiara e candita

B   600 gr zucchero a velo
      600 gr farina

C   1,4 kg zucchero (per la lega)

D    0,600 gr zucchero vanigliato
       18 albumi

Passare al mortaio mandorle e zucchero di A, aggiungendo lentamente la
scorza ed un po' di farina per facilitare l'operazione.
Preparare lo sciroppo da portare al filo con le dosi  dello zucchero C.
Impastare a caldo la pasta ottenuta con A con lo sciroppo, aggiungendo B.
Far riposare l'impasto almeno 12 ore, coprendo con un panno umido.
Al momento dell'uso aggiungere  lo zucchero di D e gli albumi, sbattuti
rapidamente con la frusta.
Con lo zucchero a velo aromatizzato alla vaniglia e farina 50% spianare la
pasta e tagliarla con lo stampo apposito a forma di losanga (alta circa 1
cm).
I ricciarelli si posano sull'ostia, si spolverano con altro zucchero a velo
e si infornano.
I ricciarelli industriali hanno del carbonato d'ammonio, ma sono molto
diversi dai ricciarelli di pasticceria che dopo 3-4 giorni perdono di bontÓ.
Quelli industriali, mancano della fragranza che hanno i ricciarelli freschi,
su questo non si discute, potete comprare le marche pi¨ famose di
ricciarelli, ma provate ad entrare in pasticceria ed assaggiate i veri
ricciarelli!

--
Ciao da Benedetta

Certe donne amano talmente il loro marito che per non sciuparlo, prendono
quello delle loro amiche.
                   Alessandro Dumas