[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: [HELP] coriandolo





Nicola Zanella wrote:

> On Thu, 7 Jun 2001 17:02:35 +0200, "jaelle" <jaelle@virgilio.it>
> wrote:
>
> >...in un momento di follia al supermercato ho preso un sacchetto di
> >coriandolo in polvere... ma come si usa?!?!??!!?
> >avete suggerimenti di ricette, o simili?
> >c'era anche dello zenzero, che ha gi trovato posto sia nei biscotti, che in
> >padellate "strane" di carne e verdura... ma il coriandolo proprio non so
> >come utilizzarlo!!!!!
> >grazie e tutti
> >elena
>
> Io lo uso nella maniera pi banale possibile, come spezia per condire
> l'insalata e al posto del pepe per la bistecca. Il sapore mi piace
> molto, secondo me  una via di mezzo fra l'origano e il pepe. Ho anche
> rielaborato la pasta "cacio e pepe" in una variante "cacio e
> coriandolo", ma non ha avuto successo come la ricetta tradizionale.
> Piuttoato mi incuriosisce lo zenzero, che trovo anche fresco... come
> si usa? Ricette per usare lo zenzero?
> Grazie in anticipo a chiunque voglia rispondermi,
>
> Nicola
>
> "Fate la birra, non fate la guerra"
>                                 N.Zanella

Sia coriandolo che zenzero sono da preferire freschi; il coriandolo si trova meno
spesso (in foglie) e allora credo si debba dare la precedenza (come nel caso del
pepe) ai semi da macinare. Il coriandolo  buonissimo per insaporire insalate, ma
anche carne (agnello, ma anche carne di maiale); io lo uso spesso coi peperoni,
le cipolle e le olive, nell'insalata greca, oppure per delle semplicissime patate
al forno; fresco  ottimo col cous cous d'agnello e col pesce al forno.
Lo zenzero  sicuramente pi versatile: qui la scelta della radice fresca 
-quasi- obbligatoria: la polvere sa spesso di rancido, o altrimenti prende
facilmente questo sapore. Inoltre, sempre fresco, ha delle ottime qualit
digestive e cnserva pienamente quel sapore piccante sulla lingua che  una delle
sue caratteristiche pi piacevoli. E allora: in salse piccanti per condire
stufati di carne, oppure crostacei. Nei biscotti, nelle torte a base di frutta
secca; ma anche grattugiato servito con macedonie di frutta (ottimo col melone),
in bavaresi, budini, creme caramel, ecc. In questi casi,  sufficiente far
bollire scorze di zenzero nel latte o panna, filtrare e preparare come di
consueto.
Postoqui  il mio Caramel allo Zenzero:
x8
8 uova intere e tre tuorli
200g zucchero
7dl di latte
1 dl di panna liquida
50g di radice fresca di zenzero pulita e affettata
(dose da aumentare a seconda dei gusti)
70g di zucchero due cucchiai d'acqua e due gocce di limone per il caramello
(fac.)

In una ciotola fai una sbattuta di uova e zucchero, senza montare e con un
pizzico di sale. Intanto fai bollire latte e panna con lo zenzero; spegni e fai
freddare una mezz'ora. Riporti a bollore e versi poco per volta nelle uova
filtrando con un colino, mescolando finch lo zucchero non  sciolto.
Versi il tutto: in coppette di pirex o di ceramica da forno individuali;
oppure, in stampini da creme caramel appena caramellati;
oppure, in un solo recipiente dello stesso materiale.
Poni queste in un altro recipiente, contenete acqua calda, il cui livello si
mantenga circa 2cm al disotto degli altri recipienti e metti al forno per 45' a
160.
Quando tiepido, butti tutto nel frigo (4-5h).
Potresti fare ora il caramello e versarlo sopra; magari dopo aver sistemato
frutta sulla superficie (tipo: ciliege snocciolate).
Oppure, rovesci gli stampini e porti in tavola.

Si pu fare anche un ottimo minestrone di frutta esotica: frutta frullata e
passata (limone, o lime, parte di ananas e melone) zucchero baccello di vaniglia
tagliato, zenzero affettato, rum: e vi lasci in "ammollo" per qualche ora in
frigo frutta esotica (e non) di tuo piacimento (altro ananas, kiwi, ecc.)

Ciao
Claudio