[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Rame di Napoli



Nulla si crea e nulla si distrugge.
Cercando di capire l'etimo del nome dato a questi biscotti ho scoperto che,
tra i dolci tradizionali siculi, ci sono i "rami di miele" la cui forma è
quella dei rametti e delle foglie di una specie vegetale. Siccome questo
biscotto ha una forma ovale allungata, vuoi vedere, ho pensato, che
riproduce una foglia? E allora sarebbe forse più corretto dire "rami di
Napoli" (dizione che ho sempre ascritto alla ben nota ignoranza dei miei
concittadini...). Ho poi trovato che, in altre parti della Sicilia, si fanno
i "turchetti", biscotti molto somiglianti...
Io non ho la ricetta, ma l'ho ricostruita (non ancora provata, però...);
caratteristica saliente, a cui secondo me è dovuta la morbidezza della
pasta, è l'impiego del miele.
Ma andiamo agli ingredienti. Le dosi sono per una preparazione "di prova"...
ridotte, cioè.
Per il biscotto:
Farina 00, gr 250
Cacao in polvere, amaro, gr 25
Zucchero semolato, gr 125
Mandorle pelate, abbrustolite e spezzettate, gr 25
Cedro candito, in cubetti, gr 25
Latte intero, cc 120
Burro, gr 25
Miele di agrumi, 1 cucchiaino
Lievito, gr 8 (mezza bustina di lievito chimico per dolci); (si può
sostituire con bicarbonato, gr 10)
Uova, 1 piccola (max 60 gr)
Per la glassa di cioccolato:
Uova, 1 piccola
Burro, gr 35
Zucchero a velo, gr 40
Cacao in polvere, amaro, gr 35; (si può sostituire con cioccolata a titolo
68-70%)
Esecuzione:
Sciogliere nel latte intiepidito lo zucchero, il burro, il miele e il
lievito; setacciare farina e cacao sulla spianatoia e fare la fontana;
rompervi l'uovo, mescolandolo con una forchetta, versarvi il latte con gli
altri ingredienti. Impastare fino ad ottenere una pasta morbida che però non
si attacchi alle dita. Al termine dell'impasto aggiungere mandorle e canditi
e distribuire bene nella massa. Stendere col mattarello a uno spessore di
circa 1 cm e ritagliare i biscotti, che devono avere forma ovale, pressapoco
10x6. Stenderli su una placca da forno e farli cuocere per 12-15 minuti a
180° C.
Quando saranno freddi ricoprirli con una glassa fatta mescolando
accuratamente gli ingredienti. Mettere in luogo fresco e aspettare che la
glassa si solidifichi... Sulla glassa non ancora rappresa si possono
distribuire pistacchi (non salati) spezzettati, come decorazione.
Attenti che NON è ricetta calibrata dopo test. Attenti sopratutto alla
quantità del latte; fate così: sciogliete gli ingredienti in 100 cc di latte
e riservatevi di aggiungere gli altri 20 cc all'impasto, se necessario...
Buon divertimento e fatemi sapere.

--
Giampìpero®