[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[RECE] Ristorante "Arce" a Madrid



Magari non interessa a nessuno. E vabbé. 

Come l'anno scorso io e Rosi abbiamo deciso di omaggiarci con un *buon*
ristorante per l'anniversario di nozze. Stavolta ha scelto lei, e la scelta è
stata il ristorante Arce, al centro del quartiere di Chueca. 

Siamo fra i primi ad entrare (le nove e mezza a luglio forse era effettivamente
un pò presto). Ci danno una tavola enorme e ben distanziata dalle altre, ci
chiedono se vogliamo un aperitivo (si: chiediamo un paio di birre, che ci
servono con mandorle tostate e un paio di acciughine fritte) e intanto ci
passano il menú. Dopo pochi minuti, si siede al tavolo Iñaki Cambas, lo chef,
saluta e chiede "abbiamo fame, o appetito?" e poi discutiamo il menú. Ci fa una
specie di interrogatorio, iniziando dal piatto forte: "vediamo, carne o pesce?"
e dopo che io ho detto carne, "manzo, maiale, caccia..." insomma avete capito.
Lasciamo basicamente fare a lui, semplicemente bloccandolo su cose che non ci
piacciono --- Rosi i peperoni, io le interiora. 

Con i piatti principali di carne -- sia per me che per Rosi --- ci consiglia una
bottiglia di Chivite 125º anniversario, rosso di Navarra del 1998. Molto buono
(anche se io non sono certo un superintenditore). Assieme al pesce ci porta un
bianco di Rueda (un Marques de Riscal, peró mi sono dimenticato i dettagli... è
che alla fine le due bottiglie le abbiamo praticamente finite, capitemi...)

Inzomma, stringendo, ci ha portato: 

* Foie tiepido con fioroni e salsa ristretta di porcini (superlativo) 
* Crema di pesci affumicati (una base di pomodoro crudo, con un netto sapore 
  a trota affumicata e un pezzo della stessa, profumatissima)
* Dei fagiolini minuscoli, croccanti, che sapevano d'olio e aglio "il giusto"
* Un "sandwich" di merluzzo, ripieno di granchio (la parte "scura" dello
  stesso), con una salsa di scampi e dei cappellini d'angelo di patata fritti;
* per me un involtino di manzo ripieno di funghi e foie
* per Rosi un "porkbeef", maiale iberico quasi crudo (due tagli, "presa" e 
  guanciale) con una salsa con frutti di bosco. 

Di dolce, io ho preso un sorbetto di cioccolato amaro (ma amaro sul serio), e
Rosi un gelati di uva passa e Rhum. ABbiamo rifiutato tanto il caffè quanto la
grappa, io dovevo tornare a casa guidando (e qui in Spagna non scherzano...). 

Ottimo, senza dubbio. Quantità giuste, anche se Iñaki a metà è venuto dicendo
che se volevamo ripetere un piatto di chiedere pure senza problemi. Il prezzo
alla fine secondo me più che giusto; abbiamo speso 127 euro in tutto. 

Consigliatissimo. Io ci tornerò. 

                         Romano 

-- 
Romano Giannetti                Univ. Pontificia Comillas (Madrid, Spagna)
IHC Memories: http://www.ilmac.net/romano/