[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

GNAM: Samosa [era Re: Nuova firma]



On Thu, 2 Dec 1999 11:52:30 +0100, "Gik" <ggik@NOSPAMhotmail.com>
wrote:

>p.s. come si fanno i somasą?

SAMOSA ( si pronuncia con le esse dure un po' come se fosse scritto
ssamossa)

Il superclassico contiene patate e piselli, ma si possono fare
interessanto varianti coi fagiolini verdi, e addirittura coi fagioli
quelli piu' piccoli che trovi. 
le verdure vanno preparate in anticipo: le patate tagliate a dadini di
1/2 cm e fritte con cipolla, semi di senape neri ( quelli gialli si
usano per il pesce) e semi di cumino; uno spicchio d'aglio non guasta
e ti tiene lontani i vampiri e chi non ti vuole bene. :-))

Ora che le verdure son pronte prepara la sfoglia usando farina binaca
00 impastandola con poca acqua ed un cucchiaio di ghee liquefatto.
lavorala a lungo perche' prenda elasticita'.

Fai delle palline poco piu' grandi di una noce e stendile con un
mattarellino corto, di quelli per fare i chapati e fanne dei dischi di
una dozzina di cm di diametro, belli tondi mi raccomando.
Quando hai fatto un disco taglialo a meta' col coltello in modo di
avere due mezzelune. Ora viene il difficile da spiegare.
preparati sul tavolo una tazzina con dell'acqua; prendi un semicerchio
con entrambe le mani, bagna meta' diametro e con un movimento
inspiegabile sovrapponi l'altra meta' del diametro a quella bagnata
ottenendo una specie di cono. con le dita fai pressione perche' si
incollino bene e giralo sottosopra tenendolo nella mano sinistra con
l'apertura in alto. Introduci una cucchiaiata di verdura e con un dito
bagna l'interno del bordo. Chiudilo facendo pressione col pollice e
l'indice e sigillalo perfettamente. Quando li hai fatti tutti 
( calcola  2~3 a persona) friggili in olio bollente nel wok finche' li
vedi di un bel dorato scuro. 

Puoi servirli con un chutney fresco alla menta o con un chutney di
pomodoro un po' piccantino ( peperoncini verdi che sono leggermwnte
meno piccanti ed assai piu' aromatici.


--
Gianmaria Fontana di Sacculmino